bolle.jpg

registrati su gas.it

Sondaggio gas.it

Nuovo decreto FGAS, cosa nei sai?
 

Login

Se sei gia' registrato accedi con il tuo Nome Utente e la tua password.
Altrimenti REGISTRATI:

Le ultime dal forum

nuova dichiarazione di conformità

download allegato H

download allegato I

Ultimi utenti registrati

Chi è online

No

Statistiche Gas.it


Visite oggi1
Visite ieri306
Visite del mese5185
Totale visite9818492
Statistiche dal01/09/2004
Home Tutte le news NORMATIVA E LEGGI UNI 10738 - 2012 Controllo materiali

UNI 10738 - 2012 Controllo dei materiali

La UNI 10738 si applica agli impianti esistenti, le attività di verifica ispezione e controllo degli impianti devono essere eseguite esclusivamente da operatori aventi specifica competenza tecnica, dopo aver visto il controllo del percorso relativo e le condizioni di posa che costituiscono anomalie idonee al funzionamento temporaneo o non idonee al funzionamento riportiamo il controllo da effettuare sui materiali.
La norma prevede che l'operatore possa esprimere i seguenti giudizi:

Impianto idoneo al funzionamento, assenza di anomalie
Impianto idoneo al funzionamento temporaneo, anomalie che non costituiscono pericolo immediato e consente un utilizzo per un periodo stabilito dall'operatore

Impianto non idoneo al funzionamento, anomalie che costituiscono pericolo immediato


Se a seguito di una verifica preliminare l'operatore verifica l'assenza di anomalie che possono determinare situazioni di pericolo immediato può procedere ad effettuare le verifiche ed i controlli di cui ai successivi punti

 

Controllo materiali: verifica idoneità materiali e relative giunzioni:


Alcune delle anomalie che determinano l’idoneità al funzionamento temporaneo sono:

  • Assenza rubinetto d’intercettazione generale o di punto d’inizio;
  • Assenza rubinetto d’intercettazione a monte di ogni apparecchio;
  • Tubi flessibili non metallici di cui alla norma UNI 7140 (gomma) utilizzati per il collegamento di apparecchi di cottura ad incasso o di apparecchi fissi (scaldabagni, stufe, ecc.).


Alcune delle anomalie che determinano la NON idoneità al funzionamento sono:

  • Materiali non idonei in presenza di perdita compresa > 1 dm ³/h e ≤ 5 dm ³/h;
  • Materiali idonei in presenza di perdita > 5 dm ³/h.